Coockie Policy

Cookies e registrazione sui siti

I cookies sono piccoli file di informazioni inviati da un web server ad un web browser, che permettono al server di raccogliere informazioni dal browser. Il Centro Studi Pedagogici (CSP) e i suoi fornitori di servizi inviano cookies quando si visitano i Siti Web di CSP, si eseguono login nelle aree riservate, ci si registra per alcuni servizi o si richiedono informazioni. Attraverso i cookies, CSP non raccoglie informazioni personali ma esclusivamente dati utili per facilitare i procedimenti di login agli Utenti, per avere traccia della visita, del Paese, della lingua e altre informazioni geografiche e di utilizzo dei Siti. Infine, i cookies vengono utilizzati dai servizi di statistiche sugli accessi abilitati sui Siti Web di CSP. Se l'Utente non desidera ricevere dei cookies, può bloccarli o richiedere che gli venga inviato preventivamente un avviso, seguendo le procedure specificate dal browser web installato sul proprio computer.

Per maggiori informazioni su come gestire i Cookie nel browser si rimanda a: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari e Microsoft Windows Explorer. Tuttavia, impostando questi blocchi, può accadere che il browser reagisca in maniera non appropriata, non solo quando l'Utente visita i Siti Web di CSP, ma anche quando ne visita altri. Pertanto, poiché i cookies non permettono a CSP di identificare gli Utenti, si suggerisce di accettare che vengano installati in modo da sfruttare appieno le funzionalità dei Siti Web.

Per maggiori informazioni sull’utilizzo dei cookies e su come bloccarli, è possibile visitare i siti www.allaboutcookies.org, www.youronlinechoices.eu per l’Europa o www.aboutads.info/choices/ per gli Stati Uniti.

Consenso all’uso dei cookie

Come richiesto dalla normativa vigente, il Sito Web presenta un’informativa breve sull’utilizzo dei cookie visualizzata in ogni pagina di primo accesso tramite un banner dinamico. Scrollando la pagina, facendo click su uno dei link interni delle pagine o facendo click sul tasto “OK” presente nel banner dinamico, si esprime il proprio consenso per l’uso dei cookie.

Utilizzo dei Cookie

Cookie tecnici
I Siti Web di CSP utilizzano i seguenti cookie tecnici, che vengono installati automaticamente a seguito dell’accesso al sito, per le finalità indicate in relazione a ciascuno di essi:

  • Cookie di sessione - necessaria al funzionamento e all'erogazione dei servizi del sito;
  • Cookie di statistica - utilizzati per raccogliere informazioni in forma aggregata.

Cookie di profilazione
I Siti Web di CSP non utilizzano cookie di profilazione, ad eccezione dei plugin di Google Analytics che esegue un'aggregazione statistica dei dati di accesso, permanenza e navigazione, rilevando esclusivamente informazioni di natura tecnica (browser, pagine visitate, permanenza, ecc.) e geografica (Paese di collegamento, città, ecc.).

Consulenza

Il Centro Studi Pedagogici si avvale di professionalità fisse, con ruolo di coordinamento e operativo, e di collaborazioni esterne, in un’ottica interdisciplinare idonea ad incontrare le esigenze del singolo. I suoi professionisti sono a disposizione per offrire in studio le proprie competenze in merito alle differenti forme di disagio descritte nel sito o per l’organizzazione di corsi e percorsi personali, individuali e di gruppo.

Per avere informazioni sulla sede più vicina o su specifici professionisti è possibile contattarci all’indirizzo This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. o telefonicamente al numero 347 508 1887.

Gli ambiti di intervento coperti dagli esperti afferenti al Centro Studi Pedagogici comprendono:

Difficoltà di apprendimento

  • Lettura e lettura rapida, dislessie
  • Scrittura, disortografia
  • Grafismo, disgrafia
  • Linguaggio ed espressività
  • Ragionamento logico
  • Calcolo matematico
  • Memoria e memorizzazione
  • Attenzione (ADHD)
  • Metodi di studio
  • Orientamento scolastico

Disagio organizzativo-motorio

  • Coordinazione lateralizzazione
  • Schema corporeo
  • Propriocettività

Abilità comunicativo-relazionali

  • Dinamiche familiari, scolastiche, lavorative
  • Timidezza eccessiva, apaticità, irrequietezza
  • Depressione, ansia
  • Bullismo
  • Disturbi del sonno
  • Disturbi alimentari e controllo del peso
  • Incontinenze
  • Psicosi infantili, autismo
  • Supporto a gravidanza e allattamento

Difficoltà di lettura e scrittura

Le difficoltà di apprendimento generalmente definite “disgrafia” e “dislessia” vengono oggi riferite, più correttamente, a disagi nei processi di codifica e decodifica scrittoria. E’ infatti possibile che si verifichi l’insorgenza di problematiche legate alla comprensione e alla produzione del linguaggio. Nel primo caso si avrà il coinvolgimento delle abilità di lettura, mentre nel secondo si assisterà a problemi nella scrittura.

Come per ogni difficoltà è fondamentale riuscire ad individuare i disagi nella produzione e nella decodifica della parola scritta nella scuola materna, o al massimo durante i primi mesi di scuola elementare. Un intervento precoce infatti non lascia conseguenze nel soggetto e ne permette uno sviluppo scolastico normale. Un efficace lavoro di recupero deve riuscire ad ottenere in tempi stretti la normalizzazione della situazione, per evitare che le difficoltà si fissino e comportino un sottofondo di difficoltà costante in aggiunta alle normali difficoltà previste dall’apprendimento scolastico.

Superati i cinque anni, le prove utili a definire le difficoltà di un soggetto dovrebbero essere superate facilmente. Un fallimento in questo senso dovrebbe far sorgere il dubbio se sia adeguato inserire il bambino in prima elementare. La mancanza, ad esempio, di abilità scrittoria o anche solo di tracciare correttamente un segno rappresenta infatti il sintomo apparente di carenze psico-emozionali e relazionali necessarie ad affrontare con serenità l'ingresso nella scuola elementare.

La consulenza di un esperto permette di giungere a una corretta diagnosi e di fornire strumenti operativi alla famiglia o agli insegnanti, qualora siano disponibili, essendo preferibile in alcune situazioni non particolarmente gravi offrire l’opportunità al bambino di lavorare insieme alle figure che gli sono più vicine.

Grafismo

Il soggetto disgrafico è presenta difficoltà nel tracciare qualsiasi tipo di traccia, utilizzando un qualunque strumento tracciante, su un qualunque supporto.

Nel bambino che inizia a scrivere una semplice parola intervengono diverse tappe di un processo definito:

  • Nel pensiero nasce la motivazione a scrivere
  • Viene formulata la stringa fonologica corrispondente alla parola da scrivere (il che prevede una competenza linguistica)
  • L'articolazione dei suoni costitutivi viene opportunamente rallentata (consapevolezza articolatoria: ca-sa) per facilitare l'analisi metafonologica dei fonemi costitutivi (consapevolezza fonologica: ca=ka, sa=sa).
  • L'occhio guida la mano (competenza visuopercettiva) nell'esecuzione del programma grafomotorio (prassia costruttiva).

Se il difetto viene riscontrato prima della prassia il disegno sarà normale, e il disturbo sarà pertanto riconducibile a quelli di tipo disortografico. I soggetti disgrafici invece incontrano problemi soltanto nell’ultima fase del processo, e oltre alla difficoltà a scrivere si può osservare anche una scarsa abilità nel disegno.

Il disagio avvertito dal soggetto nella produzione grafica e’ riconducibile all’interazione di più fattori, che vanno considerati insieme sia in sede diagnostica sia in ambito di elaborazione di un intervento specialistico. Mancanza di abilità ritmiche, improprietà delle capacità di equilibrio statico e dinamico, disordini nella dominanza emisferica e nella lateralità, gestualità inadeguata ed inibita, mancanza di abilità relazionali e corporee efficaci, scorretta impostazione fonetica o irregolarità di associazione tra lettura/audizione e scrittura e/o carenza nella memoria audiovisiva, possono essere annoverate tra le potenziali cause del disagio nella produzione grafica.

Un intervento specialistico pedagogico clinico e’ in grado di osservare, separatamente e sinergicamente, ogni aspetto caratterizzante il soggetto e di strutturare un intervento che agisca su ognuno di essi, nell’interesse globale della persona.

Linguaggio

Disortografia

Il termine “disortografico” sembrerebbe indicare un soggetto che non risponde alle regole ortografiche.

Ma l’ortografia rappresenta solo un aspetto del disagio. La grammatica si compone infatti di ortoepia (insieme di regole che determinano la corretta pronuncia delle parole), ortografia (insieme di norme che determinano la scrittura corretta dei simboli alfabetici, ma anche di segni grafici indipendenti da un intento scrittorio: cioè il disegno), morfologia (insieme di norme che determinano la struttura interna delle parole) e sintassi (insieme di regole per la combinazione degli elementi lessicali e significativi, e quindi di formazione delle frasi).

Il soggetto normalmente definito solo disortografico in realtà ha anche difficoltà nella pronuncia delle parole, nell’attuazione della loro struttura morfologica e nell’applicazione delle regole sintattiche.

Si dovrebbe allora parlare di disgrammatico, ma nella lingua parlata tali soggetti difficilmente riportano gli stessi errori che compiono nella scrittura, ed è proprio la scrittura che si deve prendere in considerazione. L’abilità ortografica implica la conoscenza del linguaggio parlato, l’acquisizione dell’immagine dei suoni, un buon equilibrio psico-affettivo-relazionale e la normalità delle abilità intellettive, mnemoniche, psicomotorie, ritmiche e spazio-temporali.

Gli errori che più di frequente compaiono nei soggetti con difficoltà nella codifica scrittoria sono: raddoppiamenti di lettere, uso scorretto dell’apostrofo e degli accenti, mancata distinzione tra digrammi, lettere simili per suono e maiuscole o minuscole, omissione di lettere (h compresa), aggiunte, trasposizioni, sostituzione di vocali e/o di consonanti, l’utilizzo inopportuno della punteggiatura e della divisione sillabica a fin di riga.

Un adeguato intervento pedagogico clinico può colmare le lacune e rimediare alla situazione di disagio, consentendo in tempi brevi di riprendere una normale attività scolastica e di apprendimento.

Espressività

L’evoluzione dell’espressività verbale attraversa diverse fasi. Nonostante ogni cammino di crescita rappresenti un caso a sé stante, è possibile definire un percorso di sviluppo indicativo, da tenere presente nell’eventuale osservazione di disagi in tale ambito. 3-4 mesi Il bambino emette suoni gutturali (ngu, nga) 7-8 mesi La comunicazione presenta lallazione monosillabica (ba, pa) 9-14 mesi Utilizzo dello stesso punto di fonazione nel raddoppiamento, dapprima non intenzionale (papa, mama) e in seguito intenzionale (papà, mamma), fino a usare diverse impostazioni fonetiche. 15-16 mesi Scoperta della parola-frase. 3 anni Linguaggio pressoché completo. L’eventuale insorgenza di balbuzie in questo periodo e’ da ritenersi fisiologica e temporanea. 5 anni Termina il processo di impostazione della “r” 6 anni Termina il processo di impostazione della “s”. Nel caso in cui la pronuncia di una o più consonanti risulti assente, si potrà parlare di difficoltà imputabili a deltacismo (D), gammacismo (C,Q,G,K), lambdacismo (L), rinolalia (M,N), rotacismo (R), sigmatismo (S), tetacismo (T) e/o zetacismo (Z). Il disagio manifesto nella produzione verbale spesso si traduce in difficoltà di matrice differente e con dissimili caratteristiche morfologiche:

Afasia/Disfasia

Causate da noxae lesive cerebrali, congenite o acquisite. Il soggetto e’ in grado di udire alla perfezione suoni, fonemi e parole, ma non riesce ad attribuirgli alcun significato. In alcune situazioni la mancata capacità di articolare i suoni necessari alla comunicazione può comportare situazioni afasiche di origine psicosomatica.

Disartria

La compromissione delle strutture nervose comprese tra l’area deputata alle attività motorie della corteccia cerebrale e il nucleo di origine del nervo periferico provoca mancanza di coordinazione muscolare e, di conseguenza, difficoltà di articolazione degli organi fonatori. Può essere causata, ad esempio, da traumi ostetrici, asfissia fetale o neonatale, incompatibilità ematica materno-fetale, meningoencefaliti.

Dislalia

Insieme di disturbi del linguaggio dipendenti da alterazione dei fenomeni nervosi elementari di senso e di moto, che hanno sede nei gruppi cellulari del centro grigio spinale e nelle relative diramazioni nervose, sensitive e motorie. Per questo e’ possibile distinguere tra dislalie sensoriali e dislalie motorie.

Balbuzie

Difficoltà nel ritmo fonoarticolatorio possono provocare arresti intermittenti, ripetizioni o prolungamenti forzati di fonemi, sillabe o parole. A seconda che si tratta di difficoltà presenti ad inizio di parola o nel mezzo di essa, la balbuzie si può definire tonica o clonica. Le forme miste prevedono la comparsa di entrambe le manifestazioni.

Disfonia

Indica tutti i disturbi della voce nella pronuncia delle parole, a livello quantitativo e a livello qualitativo. Si tratta di un disturbo meno invalidante rispetto ai precedenti, e per questo e’ meno conosciuto ed indagato. I soggetti che presentano disfonia possono però avvertire pesantemente il disagio, soprattutto per quanto riguarda la valorizzazione delle proprie abilità relazionali.

Respirazione orale

Generalmente si tratta di uno stato causato da patologie specifiche: riniti, eventi traumatici, adenoidi ipertrofiche o tonsille palatine. Un intervento educativo finalizzato consente il più delle volte il ripristino di una corretta respirazione naso-bocca.

Un apparato fonoarticolatorio integro, che consenta cioè di percepire, rappresentare, programmare e rispondere, non è sufficiente a garantire la piena padronanza del linguaggio. Il Pedagogista Clinico può intervenire a supportare le competenze cognitive, simboliche, sociali e relazionali utili a un armonioso sviluppo verbale e a un’apprezzabile disponibilità comunicativa, oltre che ripristinare una situazione emozionale favorevole.

Con gli strumenti giusti è possibile superare ogni ostacolo